Il desiderio e la libido femminile sono parte integrante della vita di ogni donna: si tratta infatti di una condizione fisiologica normale, legata prevalentemente al ciclo mestruale e allo sviluppo sessuale, anche se a volte desiderio e libido possono venire meno, portando con sé diverse problematiche. 

L’intensità del desiderio femminile infatti è soggetto a numerose fluttuazioni, ad alti e bassi a volte fisiologici, altre volte legati a problemi di varia natura. Molto spesso infatti nel corso della vita di una donna possono verificarsi condizioni ormonali, alimentari e persino psicologiche che richiedono di dover aumentare la libido femminile che è venuta meno.

Il desiderio infatti è una condizione normale che rappresenta anche l’espressività sessuale della donna dal punto di vista psicologico e relazionale, per cui quando questo viene meno si cerca di aumentare la libido femminile per non innescare problematiche a livello emotivo: una donna priva di libido può infatti sentirsi “diversa” rispetto alle altre con cui ha modo di confrontarsi o può sviluppare un forte senso di colpa per non avere lo stesso trasporto che il partner ad esempio si aspetterebbe da lei, innescando così un vicolo cieco in cui stress e risentimento alterano i valori ormonali causando un ulteriore calo del desiderio.

Ecco allora che aumentare la libido femminile diventa, sia per la donna che per l’uomo, un’esigenza intima ma anche relazionale importante. Come fare però per aumentare la libido femminile? Quali sono i meccanismi che la innescano o che possono spegnerla e quali sono i rimedi naturali più efficaci? 

Scopriamolo insieme nei prossimi paragrafi.

Come funziona e come aumentare libido femminile

Il desiderio femminile è un sottile gioco di equilibri che può essere influenzato da molteplici fattori. Dunque prima di capire come aumentare la libido femminile è bene capire come questa funzioni, quali sono gli elementi che la determinano e la guidano, in modo da capire come influenzarla positivamente.

Innanzitutto occorre dire che la libido femminile è una condizione che ha a che fare con il ciclo mestruale e con la situazione ormonale della donna. Solitamente il picco della libido nella donna si verifica intorno al 14° giorno del ciclo, momento in cui la donna è più predisposta alla procreazione e dunque il desiderio diviene funzionale allo scopo. Tuttavia per aumentare la libido femminile occorre conoscere la varie fasi del ciclo femminile: se è vero che il 14° giorno è in un certo senso la fase clou in qui la libido si manifesta, è anche vero che non tutti i cicli sono uguali così come non tutte le donne manifestano le stesse caratteristiche ormonali e che nella fase subito precedente al ciclo le condizioni ormonali favoriscono un calo della libido fisiologico. 

Come aumentare dunque la libido femminile? Sicuramente conoscendone le fasi e imparando, soprattutto per la donna, a riconoscere il proprio desiderio sessuale. Ci sono donne che lo manifestano intorno al 14° giorno, altre dopo il 17°, altre ancora lo manifestano in maniera indifferente lungo tutta la fase di ciclo, altre invece sembrano soffrire particolarmente gli sbalzi ormonali e dunque vedono calare il desiderio in maniera continuativa.

Occorre anche dire che non sono solo gli ormoni a determinare la durata e l’intensità del desiderio femminile: anche ciò che si mangia, lo stato di salute generale, il fatto di praticare o meno attività fisica (e di conseguenza l’essere soddisfatte o meno del proprio corpo ed avere con esso un rapporto “sano”) può influenzare molto il desiderio. Dunque per aumentare la libido femminile occorre considerare tutte le variabili in gioco e i sottili equilibri che le gestiscono.

Indubbiamente avere un ciclo stabile, senza troppe oscillazioni ormonali (causate ad esempio da problemi quali l’ovaio policistico, l’endometriosi e altre patologie); avere un rapporto sano con il proprio corpo, privo di particolari conflittualità; avere un partner stabile (il rapporto di coppia e amoroso favorisce il rilascio di ormoni del benessere come l’ossitocina che fanno aumentare la libido femminile) e mangiare sano senza abusare di alcol e farmaci sono le condizioni migliori per aumentare la libido femminile e renderla stabile nel tempo.

 

Rimedi naturali per aumentare il desiderio femminile

Dunque un calo del desiderio nella donna può essere dovuto a diverse cause e può essere fisiologico, dunque legato agli andamenti ormonali, oppure prolungato nel tempo, magari causato da depressione o problemi sessuali come le vaginiti croniche o la dispareunia (dolore durante i rapporti). Per aumentare la libido ci sono però diversi rimedi naturali che contribuiscono a migliorare questa condizione e che hanno proprietà afrodisiache.

L’azione di queste piante afrodisiache nell’aumentare la libido femminile si sviluppa in diverse maniere, ad esempio contrastando l’affaticamento psicofisico, aumentando l’energia sessuale e il benessere generale della persona, predisponendola dunque all’intimità. inoltre grazie anche alla loro azione stimolante, possono agire direttamente sul sistema endocrino, aumentando di fatto la libido e, di conseguenza le performance sessuali.

Alcune piante afrodisiache agiscono, invece, non sull’aumentare direttamente la libido femminile, ma agendo sul sistema ormonale equilibrando il lavoro delle ghiandole (surrenali, ipofisi e pancreas) aumentando la fertilità, contrastando la secchezza vaginale (una delle conseguenze più fastidiose del calo della libido).

Per aumentare la libido si può ricorrere alla Moringa in capsule, considerata tra le migliori piante afrodisiache in grado di aumentare la libido femminile ed è riconosciuta da diversi studi scientifici come uno dei migliori modi per potenziare il desiderio sessuale.

Tra i rimedi naturali per aumentare la libido femminile si annoverano anche il ginseng, la Maca delle Ande, il Guaranà, la Damiana, l’Euterococco e il Ginko Biloba.

 

Possibili blocchi psicologici sessuali femminili

Quando si parla di come aumentare la libido femminile non bisogna dimenticare che molto spesso il desiderio viene meno a causa di blocchi psicologici o fisici veri e propri che impediscono alla donna di lasciarsi andare all’intimità.

Tra i blocchi psicologici più frequenti ci sono tutte quelle condizioni in cui la donna si trova in una condizione di difficoltà emotiva, come nel caso della depressione, dell’ansia e degli attacchi di panico. Anche lo stress assume un’importante rilevanza del calo della libido femminile, così come eventi traumatici come un lutto in famiglia o aver subito violenza, oppure ancora aver sperimentato un aborto.

A questi blocchi psicologici si aggiungono anche blocchi fisici di vario tipo che rendono difficile a livello “meccanico” riuscire ad aumentare la libido femminile: condizioni quali vaginiti croniche, vaginismo, infezioni vaginali o anche l’endometriosi rendono difficile se non impossibile avere rapporti sessuali normali. 

In tutti quei casi in cui esistono blocchi psicologici o fisici allo sviluppo di un desiderio fisiologico nella donna, occorre in primo luogo rimuoverne le cause agendo a livello psicologico e naturalmente medico, facendosi aiutare nel frattempo proprio dai rimedi naturali più efficaci come la Moringa Oleifera.


Scopri subito come aumentare la libido femminile con la Moringa

The post Come aumentare la libido femminile con la Moringa appeared first on Red Moringa.